Vai al contenuto



Olo'eyktan

Registrato dal: 03 Feb 2010
Non connesso Ultima attività: May 28 2017 06:26 PM
****-

#111 Avatar cosa vi ha lasciato dentro?

Inviato da Olo'eyktan di 05 February 2010 - 09:02 PM

Io mi sono sentito molto toccato dalle tematiche del film, quando sono uscito dal cinema ero pieno di nostalgia.
Riguardo all' etica dei Na'vi non ho niente da aggiungere, è un sentire animista che presenta delle metafore molto profonde riguardo al fatto fondamentale che tutte le cose sono collegate tra di loro e che questo legame è qualcosa di sacro.
Sono del parere che anche noi abbiamo un interfaccia come i capelli dei Na'vi, ma per mille ragioni sembra che ce ne siamo dimenticati e adesso quel legame è solo apparentemente molto più difficile da stabilire.
Non è così, nessun ponte è crollato, niente è andato perduto.
Chi vuol farvi credere il contrario sta cercando di manipolarvi, perché è anche lui vittima di questa illusione.
Quello che mi separa dal mondo è una misura identica a ciò che mi separa da me stesso: è la paura di tornare ad essere vulnerabile.
L' illusione di poter essere al sicuro, di potermene fregare del modo che mi circonda, di essere una vittima delle scelte degli altri è soltanto il frutto di un processo di separazione che ho creato per paura di accettare il peso della responsabilità di essere quello che sono veramente.
Se per una volta provassimo ad uscire dall' incubo catodico che ci viene propinato, vedremmo che c'è molto meno di che aver paura di quello che vorrebbero farci credere.
La mole della menzogna per fortuna stà raggiungendo di corsa un fantastico punto di rottura, presto saremo costretti a guardare, e a vedere.
Certo, probabilmente ci sarà da ballare, ma è qualcosa che credo tutti dovremmo mettere in conto.
Auguro a tutti che sia un bel ballo!
Non perdere la speranza è il primo passo per andare verso la salvezza!
Nel film purtroppo questo non è stato messo in evidenza e gli esseri umani ne escono davvero male: veniamo dipinti ancora più spietati ed egoisti di quanto non lo siamo già, e non viene mostrata nessuna riconciliazione.
Andiamo ignoranti su Pandora e torniamo ignoranti, il cattivissimo colonnello Quaritch viene giustamente ammazzato e tutti in sala sono stati contenti di vederlo morto.
Non è uccidendo il nemico che si vince la guerra, non esistono guerre vinte.
Fino a quando la guerra sarà vista come una cosa crudele, avrà sempre un suo fascino. La guerra è qualcosa di volgare, è stupida, ci mortifica come genere umano.
Che sia davvero l' unico mezzo per poter guarire al nostro livello di evoluzione? Io non ci credo.
Smettendo di combattere potremo riscoprire i fili sottili che ci legano gli uni a gli altri, fili che per fortuna non potremo mai veramente tagliare.
Il film è un gioiello, spero che il suo immenso successo apra i cuori di quanta più gente possibile, spero che sia un monte dalla cui vetta ognuno possa guardare lontano, così lontano da trovare finalmente un riflesso di se stesso.

By: Arjuna di learnnavi