Jump to content

L'inutilità della scrittura per i Na'Vi.


Nagaronte
 Share

Recommended Posts

Qualche giorno fa stavo facendo una ricerca per un compito di italiano, sulle origini e i perché della nascita della scrittura. Mi è venuto in mente di fare una specie di confronto con il mondo dei Na'Vi.

Dite la vostra!

 

 

 

 

Il Na’Vi è una lingua sicuramente elegante ed affascinante. Molte persone sono rimaste colpite da questo linguaggio e cercando un posto dove poterlo imparare, sono arrivate su questo forum.

Ma come sappiamo, i Na’vi, non hanno una forma di scrittura. Per portarla noi scrivere è stato fatto, ovviamente da Frommer, un opera di traslazione (se la possiamo chiamare tale) in caratteri romani, con l’aiuto dell’ IPA, cioè l’alfabeto fonetico internazione.

Ma per quale motivo?

Potremmo rispondere semplicemente alla domanda con due esili righe, ma facciamo un confronto tra i motivi che hanno portato l’uomo ad inventare un modo per esprimersi per inscritto ed i motivi che hanno portato i Na’vi a non fare altrettanto.

 

Breve storia della scrittura.

Allora, partiamo da parecchi anni fa. La prima forma di scrittura comparve circa tra il 3500 e il 3200 a.C. All’inizio erano semplici pittogrammi che rappresentavano, in modo stilizzato, un oggetto. Variante di questi pittogrammi sono gli ideogrammi (tutt’ora usati). Da questi pittogrammi si passò poi alla scrittura cuneiforme, utilizzata nell’area Mesopotamica, caratterizzata appunto dall’uso di cunei combinati tra loro che indicavano il suono di una o più sillabe. Un tipo di scrittura ancora più complesso fu sviluppato dai fenici. Si trattava di una scrittura alfabetica, dove ad ogni grafema (o segno: lettera) corrisponde un determinato suono. Il loro alfabeto, però, era solo consonantico. Dobbiamo ai Greci una scrittura alfabetica completa delle vocali. Questo tipo di scrittura fu in seguito adottato dal Latini che la perfezionarono e la “esportarono” in tutto il mondo allora conosciuto.

 

Ma perché fu fatto tutto questo? Perché tanti cambiamenti?

I motivi dell’invenzione della scrittura è principalmente di tipo economico-amministrativo.

I commercianti avevano bisogno di sapere: i prodotti che avevano a disposizione e le loro quantità, la merce venduta, le loro entrate monetarie, i contratti di compra/vendita; inoltre dovevano poter comunicare con clienti lontani. Le navi che imbarcavano dovevano avere un inventario del carico che poi avrebbero scaricato in vari porti. Un regno, o stato, aveva anch’esso bisogno di sapere cosa e chi c’era sotto il suo dominio, di tenere una sorta di bilancio tra entrare ed uscite, di poter dare alle disposizione o alle leggi un valore che durasse nel tempo e che non si scordasse. In aggiunta a questi motivi, nell’antichità esisteva una lunga tradizione orale e c’era il bisogno di poter fissare concetti e racconti che venivano tramandati di generazione in generazione oralmente (potremmo fare l’esempio degli aedi che “cantavano” le imprese dei grandi eroi; l’Iliade e l’Odissea potrebbero infatti essere una sorta di raccolta di questi racconti trascritti da qualcuno). Così nacque il bisogno di “annotare” tutte queste cose per “ricordarle”.

 

E per i Na'Vi?

Ritornando al discorso iniziale, dobbiamo analizzare la società dei Na’vi (prendendo come modello gli Omaticaya) da quello che si vede nel film.

Loro non hanno una forma di commercio, anche se hanno un artigianato. Il loro Clan, anche se ha una sorta di gerarchia, non è paragonabile ad un regno. Gli Omaticaya non hanno coltivazioni o miniere o altro. Loro si basano sul rispetto e la vita in simbiosi con la Natura, con Eywa. Utilizzano quello che gli serve ricavandolo dalla foresta. Non hanno quindi industrie, multinazionali ecc. La loro è una società talmente semplice ed efficiente che non ha bisogno, e tanto meno vuole, niente di tutto quello scritto sopra per gli uomini. Concludiamo con il fatto che un clan è composto da poche centinaia di individui e che i membri si conoscono praticamente tutti tra loro (e per questo sono molto uniti e compatti).

Detto tutto questo, non hanno motivo di scrivere. Certo, resta il fatto delle tradizioni orali che negli Omaticaya è evidente: storie degli antenati, canzoni, preghiere. Ma loro hanno l’Albero delle Voci e l’Albero delle Anime dove possono scaricare e caricare informazioni grazie alla lunga appendice neurale che si trova nella loro treccia, che collegano alle lunghe foglie, simili a dei tubi, di questi alberi. Collegandosi all’Albero delle Voci possono sentire le voci dei loro antenati, mentre l’Albero delle Anime è la loro linea diretta con Eywa, il loro mondo e tutto quello che conoscono.

Link to comment
Share on other sites

Bhe, quello che penso io è che la scrittura sia stata concepita fondamentalmente per un solo scopo : ricordare !

Se ci pensiamo bene tutti gli aspetti che implicano la scrittura hanno un solo semplice scopo e cioè quello di ricordare delle cose o far in modo di far ricordare delle cose ad altre persone.

 

Il resto è la conseguenza di questa necessità primordiale.

Prendendo coscienza che i Na'vi utilizzano altre maniere per sopperire a questa necessità (trasmettendo i loro ricordi in Eywa per esempio) ecco che capiamo subito come mai i nostri amici blu non hanno bisogno di inventare una scrittura.

E dirò di più, credo che l'aspetto della trasmissione dei ricordi non sia stato trattato in maniera completa all'interno del film esaltando solo (forse) l'aspetto più nobile e spirituale del processo.

 

Ma che dire dello tsaheylu tra due Na'vi contemporaneamente, o tra Na'vi e un animale o pianta ?

Sono aspetti più profani rispetto al Ayvitraya Ramunong che però sicuramente esistono e esisteranno proprio per sopperire alla mancanza di una scrittura.

 

 

Ma questa è solo una mia deduzione ! 😊

Link to comment
Share on other sites

 

 

quotissimo ma oeyä tsmukan

 

cmq ridurre la nascita della scrittura ad un utilizzo commerciale secondo me è altamente fuorviante

 

la scrittura è nata molto prima dei commerci, ed è innanzitutto servita per fissare e tramandare idee, pensieri e concetti... la scrittura ha permesso ti evolvere l'astrazione e l'innovazione, permettendo di conciliare il concreto con l'astratto, per questo i Na'vi non ne hanno bisogno, loro possono comunicare in modo astratto e non verbale... secondo me😊

 

 

Link to comment
Share on other sites

Bell'articolo, complimenti! :D

In realtà io penso che la ragione dell'esistenza di una rete neuronale non solo spieghi perché i Na'vi non hanno mai sviluppato la scrittura, ma anche perché tutti gli animali abbiano le trecce neurali: probabilmente si tratta di adattamenti per accedere a queste reti, usando poi i dati contenuti possono trovare con più facilità acqua o grandi quantità di vegetazione. Probabilmente inoltre i primi animali ad avere le trecce neurali erano erbivori, e questo è dovuto ad un qualche genere di simbiosi mutualistica con gli alberi (del tipo "io ti faccio sapere dove trovare cibo ed acqua, tu porti le mie spore in giro").

Link to comment
Share on other sites

Vero, bel tema 😊

E condivido a pieno ciò che sostiene Ravenat. Ma bene o male tutti hanno dato riposte che io stessa avrei scritto! E direi inoltre che i Na'Vì per ricordare non hanno solo gli Alberi delle Voci o simili, ma anche i loro soaventi, dolcissimi canti, tramandati di generazione in generazione, o almeno così ricordo di aver letto sulla guida confidenziale :)

Link to comment
Share on other sites

Bellissimo articolo mi ha fatto piacere leggere la storia della scrittura!!

Io su un sito però Chiamato Omniglot trovai la scrittura "Inventata" per i Na'vi non inventata per il film.

http://www.omniglot....writing/nav.htm guardate e ditemi cosa ne pensate!

Piuttosto strano non trovate?:D

 

Eywa ngahu oeyä tsmukan!

 

Curiosa davvero! :D

In ogni caso, ora che ci penso effettivamente i Na'vi hanno un complesso simbolismo, basta vedere gli stendardi da guerra o le pitture sugli scudi da guerra.

Link to comment
Share on other sites

Gli uomini non avrebbero mai potuto fare a meno della scrittura, perchè non avrebbero mai potuto fare a meno del commercio e dell'interscambio culturale con altri popoli. In questo senso si potrebbe fare un discorso molto più ampio... quant'è grande Pandora? possibile che non ci siano differenze "razziali" sul pianeta? Differenze culturali? tutti i Na'vi sono uguali e parlano la stessa lingua? Se parlano tutti la stessa lingua significa che solo una minuscola parte del pianeta è abitato dai Na'vi E BASTA?Com'è possibile?

 

Ve lo dico io, non è possibile XD

 

Avatar è un film, e in quanto tale è oggetto di pura fantasia. E nella fantasia si può anche utopicamente pensare ad un pianeta in cui tutti sono uguali e tutti parlano la stessa lingua, in cui non c'è bisogno di case, di strade, di scambi commerciali, quindi di moneta, quindi di scrittura.

Ma a ben pensare questa è una condizione assolutamente impossibile sulla Terra, per come noi uomini ci siamo evoluti. La Terra, come sappiamo, non è tutta uguale, non c'è lo stesso clima ovunque, e a partire da tempi antichissimi le varie popolazioni e le varie culture si sono sviluppate in modi del tutto differenti, con usi e costumi differenti, con lingue differenti.

Finchè vivevamo tutti nelle grotte o sotto gli alberi o in piccoli "villaggi" di paglia e fango, in piccole "comunità", non c'era problema di sorta: una decina di uomini vanno a caccia, riportano la preda, la mangiano con gli altri e tanti saluti. Ma al momento in cui avviene l'INCONTRO tra le varie popolazioni e le varie culture, il sistema di comunicazione diventa indispensabile. E lo diventa ancor di più quando si capisce che "Tu vivi in questa zona, in questa zona crescono queste piante, a me servono queste piante perchè nella mia zona non crescono" "ah si? e a me serve quella carne, perchè dove abito io quella carne non c'è" "bene tu mi dai un po' delle tue piante e io ti do' un po' della mia carne"... è evidente, c'è la necessità di uno scambio, non solo materiale, ma anche culturale, e così che piano piano nasce il baratto e poi il commercio. (ovviamente in via mooooolto semplificataXD)

 

Se si vuole ci si può fermare a questo concetto basilare, ma basta allargare un attimino di più la visuale per trovarsi davanti tutto un universo di necessità: cibo, materiali edili, medicine, artigianato, pelli e vestiario, attrezzi agricoli, accessori per il bestiame, per i cavalli, armamenti...e chi più ne ha più ne metta. per l'evoluzione era necessaria la nascita di un interscambio. Questo interscambio è diventato economico e culturale, ed è giusto e naturale, altrimenti non sarebbe andata così.

L'essere umano, nudo e crudo, è l'animale più debole del mondo: senza pelo, senza artigli, senza zanne, senza pollici opponibili sui piedi, senza pinne, senza branchie, senza un'olfatto nè un'udito particolarmente sviluppato, senza la possibilità della visione notturna...un uomo, nudo, messo in natura, senza intelletto muore.

 

La natura, per far si che l'uomo sopravvivesse, gli ha donato l'intelletto, la ragione. E quella rappresenta i suoi artigli, le sue zanne, le sue pinne, il suo pelo.

(è per questo che non sopporto quelli che mi dicono che dovremmo vivere nella natura sotto gli alberi ecc.... ma vacci tu a vivere sotto gli alberi, che ti becchi ogni sorta di canchero!!XD se fosse possibile sarei molto contenta, ma mica ci siamo evoluti "per vanvera" come dice un saggio😃)

 

Si tratta, come appunto avevo preannunciato, di un discorso in realtà ampissimo... e tornando a noi, la scrittura è una parte fondamentale dell'evoluzione dell'uomo, una cosa di cui proprio non si poteva fare a meno. E per tornare al discorso Na'vi: una volta espresso il concetto che per me un'organizzazione del genere non può esistere sulla Terra, resta da verificare perchè sia possibile su Pandora, e le soluzioni, utopiche e fantasiose, sono molteplici: i na'vi sono indistruttibili e quindi riescono a sopravvivere alle malattie e agli stenti di una vita selvatica (noi un po' meno neh?); su Pandora non esistono virus (noi invece ci siamo morti di ogni atrocità, a partire dal raffreddore fino alla peste e al colera e alla febbre gialla e all'aids!); su Pandora il clima è uguale in ogni regione del pianeta ed è sempre mite in modo che i Na'vi possano girare nudi tutto l'anno (provate a farlo sulla Terra!XD); su Pandora miracolosamente tutte le popolazioni hanno lo stesso linguaggio e gli stessi usi e costumi; su Pandora, essendo uguale il clima in ogni parte del mondo, crescono ovunque le stesse piante, quindi anche le stesse erbe medicinali (ammettendo che servano!) e ci vivono gli stessi animali e ci nascono gli stessi frutti, quindi ognuno può stare a casa sua senza doversi allontanare troppo per procacciarsi del cibo... insomma... capirete da voi che è tutto frutto della fervida fantasia di Cameron e dei suoi colleghi, un frutto bellissimo che ci fa sognare, ma che non si può sperare esista, o possa esistere in nessun modo sul nostro pianeta!😊

 

E voi vi chiederete..."si, ma l'assunto finale qual è?" ve lo dico subito: i na'vi non hanno bisogno di scrittura, come non hanno bisogno di vestiti invernali, di riscaldamento autonomo, di strade, di palazzi, di computer e di denaro...semplicemente perchè sono l'utopico frutto di una fantasia in cui l'evoluzione, così come noi l'abbiamo intrapresa, è inutile! 😝

 

che c'è da dire..??.... beati loro! 😃

Link to comment
Share on other sites

Qualche giorno fa stavo facendo una ricerca per un compito di italiano, sulle origini e i perché della nascita della scrittura. Mi è venuto in mente di fare una specie di confronto con il mondo dei Na'Vi.

Dite la vostra!

 

Hai proprio ragione! I Na'vi sono un popolo antico, che non si è esteso troppo anche per via dell'equilibrio e dello scambio delle energie.. mentre gli uomini espandendosi a vista d'occhio, hanno avuto bisogno di salvare le informazioni scrivendole e di trovare un modo per capirsi negli scambi tra diverse tribù, il più primitivo era il disegno!

Link to comment
Share on other sites

Obbiettivamente ai Na'vi non serve poter scrivere per necessità.. perchè come detto per i loro ricordi anche più lontani esistono le connessioni neurali con Eywa :) Che poi pensandoci bene è una sicurezza: sono ricordi che non verranno mai dimenticati o persi :lol:

 

Sarebbe stato bello avere più informazioni riguardo la scuola di Grace invece.. per vedere se comunque riusciva ad insegnare a loro anche un minima e rudimentale scrittura :lol: E viceversa.

 

Bellissimo articolo mi ha fatto piacere leggere la storia della scrittura!!

Io su un sito però Chiamato Omniglot trovai la scrittura "Inventata" per i Na'vi non inventata per il film.

http://www.omniglot.com/writing/nav.htm guardate e ditemi cosa ne pensate!

Piuttosto strano non trovate?:D

 

Eywa ngahu oeyä tsmukan!

 

Ricordati di utilizzare il tasto TR quando scrivi in Na'vi :)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...