Jump to content

LA MATTANZA DEI DELFINI


Recommended Posts

appena sentito al TG2, sono rimasta scioccata letteralmente e ho voluto subito informarvi...

se conoscete una petizione, qualsiasi cosa che possa fermare questo massacro il prima possibile, vi prego di farmelo (anzi farcelo) sapere!

 

Caccia ai delfini, Giappone sotto accusa

Oggi in oltre 100 città del mondo la protesta contro la cattura e l'uccisione di 20 mila esemplari nelle acque davanti a Taiji

 

MILANO - L'oceano all'improvviso cambia colore e le sfumature turchesi che normalmente lambiscono le coste della baia di Taiji lasciano posto al rosso del sangue.

Lo sguardo del delfino è disperato, il suo occhio si spegne in uno sbuffo di acqua che sembra una lacrima, il muso è ricoperto da una grande macchia color porpora. La sua agonia durerà poco, o forse comunque troppo: di lì a pochi minuti sarà gettato come un sacco di patate sulla banchina del molo, appeso al gancio del verricello di un piccolo camioncino e trascinato sul cemento fino ad un capannone dove mannaie e seghe elettriche metteranno fine al suo destino. Sezionato e diviso in parti arriverà nei frigoriferi di ristoranti e industrie conserviere.

 

PROTESTA INTERNAZIONALE - Non è l'incipit di un racconto pulp, ma la descrizione - perfino un po' edulcorata - della mattanza dei delfini sulle coste giapponesi. Un rito che ha ripreso il via, come ogni anno, il 1° ottobre e contro il quale per l'intera giornata di sabato si mobilitano animalisti e associazioni ambientaliste di oltre cento città del mondo. La protesta è indirizzata alle autorità di Tokyo e si svolgerà quasi in contemporanea davanti ai consolati e alle ambasciate nipponiche delle principali città di tutti i continenti (a Roma a partire dalle 11,30).

LINK ALL'INTERO ARTICOLO

... dopodomani questa "cerimonia" avrà inizio

Link to comment
Share on other sites

appena sentito al TG2, sono rimasta scioccata letteralmente e ho voluto subito informarvi...

se conoscete una petizione, qualsiasi cosa che possa fermare questo massacro il prima possibile, vi prego di farmelo (anzi farcelo) sapere!

 

Caccia ai delfini, Giappone sotto accusa

Oggi in oltre 100 città del mondo la protesta contro la cattura e l'uccisione di 20 mila esemplari nelle acque davanti a Taiji

 

MILANO - L'oceano all'improvviso cambia colore e le sfumature turchesi che normalmente lambiscono le coste della baia di Taiji lasciano posto al rosso del sangue.

Lo sguardo del delfino è disperato, il suo occhio si spegne in uno sbuffo di acqua che sembra una lacrima, il muso è ricoperto da una grande macchia color porpora. La sua agonia durerà poco, o forse comunque troppo: di lì a pochi minuti sarà gettato come un sacco di patate sulla banchina del molo, appeso al gancio del verricello di un piccolo camioncino e trascinato sul cemento fino ad un capannone dove mannaie e seghe elettriche metteranno fine al suo destino. Sezionato e diviso in parti arriverà nei frigoriferi di ristoranti e industrie conserviere.

 

PROTESTA INTERNAZIONALE - Non è l'incipit di un racconto pulp, ma la descrizione - perfino un po' edulcorata - della mattanza dei delfini sulle coste giapponesi. Un rito che ha ripreso il via, come ogni anno, il 1° ottobre e contro il quale per l'intera giornata di sabato si mobilitano animalisti e associazioni ambientaliste di oltre cento città del mondo. La protesta è indirizzata alle autorità di Tokyo e si svolgerà quasi in contemporanea davanti ai consolati e alle ambasciate nipponiche delle principali città di tutti i continenti (a Roma a partire dalle 11,30).

LINK ALL'INTERO ARTICOLO

... dopodomani questa "cerimonia" avrà inizio

 

😢 😢 O mio dio davvero mostruoso,avevo già sentito parlare di tale cose anni

fà ma credevo avessero smesso!! Dobbiamo trovare un modo per fermare questa

mostruosità!! Che schifo la razza umana mi fà schifo sempre di più ogni giorno!! 😡

 

Che Eywa sia con quei poveri animali,che protegga le loro anime!

Link to comment
Share on other sites

Ore 00:23 la maggior parte dei link funzionano tranne uno "L'indirizzo ed il modello di messaggio da inviare" risulta impossibile da essere aperto!! Qui dietro c'è qualcosa di strano!

Poi ho scoperto un'altra cosa shockante.... "Il delfino a tavola tradizione anche italiana" a quanto pare non sapendolo noi italiani sfruttiamo anche noi questo sporco mercato di morte!:angry:

Incredibile!!! :( :angry: non ci sono parole!

Link to comment
Share on other sites

E' veramente una cosa spaventosa, ed oltretutto fa ancora più rabbia sapere che questi criminali dei mari sono ancora una volta...... i giapponesi, come per la questione della caccia alle balene! 😡

Spero veramente che le movimentazioni degli animalisti riescano a fermare questa mattanza......

 

Ho provato a cliccare sui link riportati nell'articolo del giornale:

Il primo link "l'indirizzo e modello di messaggio da inviare", appartiene ad una pagina del sito della Lav, dove però sarà stato rimosso il documento in questione, ed è rimasta solamente questa pagina.

Il secondo link è quello dell'Ente Nazionale Protezione Animali (clicca quì), che a sua volta contiene un link per firmare una petizione in questo sito (in inglese).

Da quest'ultimo sito c'è poi un collegamento al sito ufficiale che si occupa della protezione dei delfini: Save Japan Dolphins, dove è possibile fare delle donazioni.

L'ultimo link che ho trovato è quello del sito di Sea Sheperd (Clicca quì).

 

Altro per il momento non ho trovato.

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo sapevo di questo massacro già da tempo, diciamo che i paesi orientali si cibano un pò di tutto ciò che striscia, salta, nuota o si muove... il problema non è solo quello che mangiano (per esempio i gatti e i cani, cosa che per la mentalità occidentale è inammissibile) ma anche come se lo procurano! I metodi sono barbari, ancestrali, illegali e spesso portano all'estinzione di alcune specie animali (vedi le balene). Tutto ciò è inconcepibile. Per agire contro questo massacro in particolare ma anche contro tutte le altre ingiustizie perpetrate sul mondo animale consiglio il sito di petizioni www.care2.com . Questo è il link diretto alla petizione specifica, ma vi consiglio comunque di dare un'occhiata alle altre petizioni nella sezione "animal welfare": Petizione per far cessare il massacro di delfini e balene in Giappone .

Consiglio anche il sito di Sea Shepherd, loro sono degli attivisti fantastici insieme a quelli di Greenpeace e si impegnano proprio in azioni di salvataggio dei cetacei, anche a rischio della vita. Perché si sa, chi non vuole bene agli animali e li massacra in nome del business e del materialismo non può nemmeno voler bene alle persone.

Link to comment
Share on other sites

Mamma mia..su tante altre questioni e tradizioni io ho profondo rispetto per i Giapponesi..ma su questo non ci sono scusanti..

volete mangiarli? ok! ma perchè ucciderli a mò di tonnara in una mattanza turbinante di sangue e disperazione!

animali agonizzanti ancora vivi accatastati sui camion..se ci fossero delle persone al loro posto sarebbe uno degli spettacoli più orripilanti per tutto il genere umano..ma sono delfini..e la cosa non interessa a molta gente..giusto a chi ama la natura e ai bambini...

E sopratutto non sapevo che il delfino si mangia anche in italia! peggio mi sento!

 

Noto che Ikrana ha scritto che a Roma partirà alle 11:30, ma quando? domani o venerdì?

 

Ancora una cosa, sul link dell'articolo la data è del 2005 O_O direi che fido ad oggi non ne hanno parlato moltissimo..

Link to comment
Share on other sites

Noto che Ikrana ha scritto che a Roma partirà alle 11:30, ma quando? domani o venerdì?

 

Ancora una cosa, sul link dell'articolo la data è del 2005 O_O direi che fido ad oggi non ne hanno parlato moltissimo..

ieri sera al TG ho sentito la notizia: hanno detto che domani 1° settembre, si aprirà la stagione della caccia/mattanza dei delfini che ogni anno in questa stagione si riuniscono nella zona di Taiji... insomma migrano lì...

 

appena ho sentito la notizia sono scattata su internet a cercare notizie, e la "migliore" che ho trovato ve l'ho postata qui...

 

ste robe veramente, mi fanno venire da piangere! fosse per me partirei adesso non sto scherzando, e mi ci metterei in mezzo per fermare questa assurdità... dio quanto odio i giapponesi adesso!!!

Link to comment
Share on other sites

Buon giorno,

 

Spesso i gusti e gli usi dei giapponesi mi lasciano un senso di "tristezza": sembrerebbe un popolo civile ma essendo esseri umani sembra che non gliene importa un granchè di ciò che li circonda e spesso fra caccia alla balena, al delfino, al tonno, ecc. ultimamente sembrano essere la causa di alcune estinzioni di massa... tra l'altro occorre notare che ormai attorno al giappone sono rimasti senza pesce (o ne hanno veramente poco..)

Se poi tutti nel mondo mangiassimo la quantità di pesce che abitualmente mangiano i giapponesi, quest'ultimo si esaurirebbe nel giro di pochi giorni.

Va però fatta anche un'altra considerazione: sono in 120 mln e sono tutti da nutrire quindi è un pò "semplicistico" accusarli di barbarie (con la loro pesca) se non si propongono anche delle alternative applicabili.

Quello che voglio dire è che è giusto che si facciano delle proteste e segnalazioni ma come ho notato in tante associazioni animaliste, sono tutti pronti a puntare il dito, gridare al fattaccio ma occorre anche proporre alternative (cosa che avviene raramente). In uno stato poi come il giappone cambiare gli usi non è sicuramente semplice ma non impossibile (pensate alla loro ricrescita economica dopo la seconda guerra mondiale e confrontatela con la nostra .... sembra che se devono fare dei sacrifici loro li fanno .. e sembra tutti ...).

Il mio non vuole essere un'accusa ma solo un mio punto di vista su uno specifico argomento.

Link to comment
Share on other sites

Buon giorno,

 

Spesso i gusti e gli usi dei giapponesi mi lasciano un senso di "tristezza": sembrerebbe un popolo civile ma essendo esseri umani sembra che non gliene importa un granchè di ciò che li circonda e spesso fra caccia alla balena, al delfino, al tonno, ecc. ultimamente sembrano essere la causa di alcune estinzioni di massa... tra l'altro occorre notare che ormai attorno al giappone sono rimasti senza pesce (o ne hanno veramente poco..)

Se poi tutti nel mondo mangiassimo la quantità di pesce che abitualmente mangiano i giapponesi, quest'ultimo si esaurirebbe nel giro di pochi giorni.

Va però fatta anche un'altra considerazione: sono in 120 mln e sono tutti da nutrire quindi è un pò "semplicistico" accusarli di barbarie (con la loro pesca) se non si propongono anche delle alternative applicabili.

Quello che voglio dire è che è giusto che si facciano delle proteste e segnalazioni ma come ho notato in tante associazioni animaliste, sono tutti pronti a puntare il dito, gridare al fattaccio ma occorre anche proporre alternative (cosa che avviene raramente). In uno stato poi come il giappone cambiare gli usi non è sicuramente semplice ma non impossibile (pensate alla loro ricrescita economica dopo la seconda guerra mondiale e confrontatela con la nostra .... sembra che se devono fare dei sacrifici loro li fanno .. e sembra tutti ...).

Il mio non vuole essere un'accusa ma solo un mio punto di vista su uno specifico argomento.

 

Concordo pienamente..probabilmente delle alternative ci sarebbero, ma tra interessi economici e "cose non dette" la cosa diventa ardua..

certe iniziative per funzionare veramente dovrebbero partire dagli uomini potenti..ma ovviamente sono immischiati anche loro in queste faccende..

 

Inoltre non dimentichiamoci le catastrofi di cui i Giapponesi sono stati vittime quest'anno...devono ancora riprendersi e chiedere altri sacrifici proprio adesso non mi sembra il caso (anche perchè a sacrificarsi veramente sarebbero come al solito i ceti bassi e medio bassi..)

 

Ciò non cambia la mia opinione, ovvero che certe mattanze al giorno d'oggi sono evitabilissime.

Link to comment
Share on other sites

Sono rimasta anch'io molto colpita dall'articolo pubblicato e mi sono affrettata a firmare la petizione sperando serva a qualcosa. Mi meraviglio che sul sito di Greenpeace non ci sia alcun commento in merito almeno io non l'ho visto.

Certo anche le riflessioni fatte da pidav in merito al fatto che i giapponesi sono abituati a mangiare in gran quantita' il pesce mi hanno fatto pensare come alternativa proponibile agli allevamenti: confesso di essere ignorante in materia e non so se in Giappone esistono. Naturalmente parlo di allevamento di pesce come quello che troviamo nelle nostre pescherie non certo delfini o altre specie in estinzione.

In ogni caso la barbarie deve cessare: non riesco a capire come gli esseri umani possano arrivare a un tale livello di crudelta'!

E anche l'articolo sul delfino nella tradizione della cucina italiana: che vergogna.....speriamo di arrivare a una maggiore sensibilizzazione dell'opinione pubblica anche se mi sembra che nei confronti degli animali (anche domestici) ci sia ancora tanta ma tanta ignoranza...

 

 

Link to comment
Share on other sites

Possono avere tutte le ragioni del mondo.. ma non è in alcun modo accettabile un comportamento simile!

Avete bisogno di pesce? mangiatelo, che mi frega,

ma non esiste scusante che tenga per fare una cosa del genere, non esiste! Se queste persone ce l'hanno una coscienza, anche nascosta, non fanno una cosa del genere. Le risorse ci sono, i soldi pure, che non mi vengano a raccontare che alternative non ce ne sono, perchè li pesto!!

E' ora veramente che certe tradizioni demenziali vengano sostituite da un SANO modo di pensare, non me ne può fregare di meno della loro cultura, è ora di cambiare certi atteggiamenti senza troppi "ma per come" "ma perchè". Punto!

 

Scusate il mio sfogo, ma giuro che in questo momento non ci vedo dalla rabbia e dalla frustrazione di sentirmi impotente.

Link to comment
Share on other sites

I delfini sono una delle creature più belle e più intelligenti del regno animale ed è un'assurdità e un'ingiustizia che vengano catturati e uccisi per il solo solito sfizio di quel mostro chiamato essere umano...

Nemmeno un mese fa ho avuto il piacere di vedere queste creature da vicino, nel loro stato + libero..era così bello vederli nuotare liberi in mare aperto e divertirsi accanto alla nostra barca..curiosoni e giocherelloni :) appena posso posto il video..non ci sono parole per descrivere la bellezza di quel momento ^^

Link to comment
Share on other sites

Mi trovo completamente d'accordo con quanto detto da Pidav. E lo sai perché non vengono fatte proposte alternative?? Perché i pescatori giapponesi hanno sempre fatto così da millenni e mai finora nessuno gli ha detto niente. Quindi come dici tu è quasi impossibile cambiare la mentalità di un paese da un giorno all'altro tanto più quella di una nazione conservatrice come è il Giappone. La colpa non è tanto di quelli che attuano questo massacro, loro sono soltanto il braccio di una strage che però viene consentita dalle menti di chi "sta sopra"... loro sono i veri colpevoli poiché per ottenere il massimo guadagno economico non guardano in faccia a nessuno. Purtroppo essendo un paese in costante competizione con l'Occidente mette al primo posto l'avanzamento economico, spesso facendo correre rischi per la salute dei suoi abitanti (vedi Fukushima, tragedia evitabile in quanto il Giappone è un territorio ad alto rischio sismico e le centrali nucleari neanche dovrebbero starci). Per ora l'Occidente può agire in soli 2 modi: tramite petizioni e manifestazioni, per far capire loro che i metodi di caccia utilizzati sono barbari e ancestrali e tramite azioni sul campo, come fanno tanti animalisti di varie associazioni. Purtroppo quest'ultimo metodo, pur agendo a favore di questi poveri animali, non li protegge dalla cultura e dalla mentalità del loro nemico, che rimane invariata. E' lì che bisogna agire, per esempio boicottando prodotti che derivano da queste stragi sconsiderate. La verità è che la brama di denaro ci ha fatti regredire. Di sicuro si stava meglio quando, allo stadio di ominidi, magari litigavamo per un pesce pescato nel medesimo fiume e ci davamo un clavata in testa. Adesso i pesci pescati sono tonnellate, migliaia non vengono nemmeno mangiati, interi paesi litigano per i commerci marittimi e terrestri, tutto per costruire un benessere fondato sul consumo di massa e sullo spreco. E intanto gli animali muoiono in massa, altri si estinguono mentre noi ci ingrassiamo. Brutto scenario, davvero.
Link to comment
Share on other sites

Giapponesi dei miei stivali, mai sono andata a mangiare sushi, mai ci andrò in vita mia... e ho proprio l'impressione che non sarà l'unica cosa loro che boicotterò.

Che poi è strano...ma in giappone non si pratica prevalentemente il Buddhismo e lo Shintoismo? ecco per quanto ne so sono due religioni che adorano divinità della natura prevalentemente e sarebero basate sul rispetto di tutti gli esseri... ecco questa cosa mi sconcerta.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

ho trovato un articoletto un pò più specifico,

Pesca al delfino in Giappone

In Giappone ogni anno i pescatori uccidono un gran numero di delfini spingendoli in acque basse e finendoli con qualsiasi strumento disponibile. Ora un'ampia coalizione internazionale chiede al Governo giapponese di fermare questo macello, ma con scarse prospettive di successo.

 

La pesca dei delfini in GiapponeLa risposta dei giapponesi è che questa è un'antica tradizione e il delegato per la pesca presso l'Ambasciata giapponese a Washington ha dichiarato che "I pescatori fanno il possible per abbreviare le sofferenze dei delfini e mantenerne la qualità delle carni" ma che purtroppo non è possibile "evitare del tutto la crudeltà".

 

I promotori dell'iniziativa "Act for Dolphins" sottolineano le note caratteristiche di intelligenza e complessità dei delfini, tra gli animali più complessi e sensibili del pianeta secondo standard umani. "Hanno l'intelligenza e le facoltà per capire cosa sta succedendo loro e la loro sofferenza è probabilmente enorme " dichiara Lori Marino, docente di neuroscienze e biologia comportamentale alla Emory University di Atlanta, uno dei promotori dell'iniziativa.

 

Questa pratica barbara sopravvive solo in alcune zone del Giappone e in particolare nei villaggi di Taiji (Giappone occidentale) e Futo (100 km da Tokyo) e si basa anche sul presupposto che i delfini competano con i pescatori "rubandogli" il pesce, una storia che non ha mai trovato supporto scientifico. I delfini vengono costretti in acque basse percuotendo oggetti metallici e quindi vengono finiti come capita: fiocinati, arpionati, trascinati a terra e soffocati o squartati mentre ancora vivi. La loro carne viene quindi utilizzata come cibo per animali o addirittura fertilizzante, oppure esportata a scopi alimentari in altri paesi asiatici.

 

Sono già molte le iniziative assunte a livello internazionale contro questa pratica, ma l'ultima si caraterizza per il fatto di essere promossa da esponenti del mondo scientifico. Uno dei leader del progetto ad esempio è Diana Reiss, direttrice delle ricerche sui mammiferi marini dell'acquario di New York.

 

Le pressioni internazionali saranno però probabilmente ininfluenti sul Giappone, come del resto avviene per la farsa della caccia alle balene giustificata dalla "ricerca scientifica". La stessa Ambasciata giapponese negli USA ha dichiarato che esistono "diverse sensibilità" sull'argomento e che si tratta di una faccenda interna del paese, escludendo di essere interessata al parere altrui. Inoltre, ha specificato l'ambasciata," il Giappone non ha mai firmato alcun accordo internazionale che preveda degli standard internazionali relativi alla crudeltà sugli animali "

Link to comment
Share on other sites

"La risposta dei giapponesi è che questa è un'antica tradizione". Ecco dove sta il problema, è sempre qui, nella mente dell'uomo! Passi pure questo costume (e non ci accaniamo contro i Giapponesi, nella civile Inghilterra c'è la caccia alla volpe, nella Spagna la corrida che come scopo hanno UNICAMENTE l'uccisione dell'animale) ma la crudeltà gratuita non può essere MAI e dico MAI giustificata. Se questi animali devono morire il metodo deve essere più civile, meno barbaro, quello dei cacciatori sembra più un accanirsi di bestie diaboliche che provano gusto ad imporre la loro superiorità e crudeltà su questi animali indifesi. Proprio adesso mi è rivenuto in mente il massacro delle foche al polo nord: ma come si fa ad uccidere una foca con una mazza chiodata e poi squartarla anche se ancora viva?? Ma chi sono queste persone? Mi rifiuto di chiamarli esseri umani, con me di certo non avrebbero nulla da spartire...
Link to comment
Share on other sites

Ma chi sono queste persone? Mi rifiuto di chiamarli esseri umani, con me di certo non avrebbero nulla da spartire...

Hai proprio ragione. Queste non sono persone...... questi sono esseri selvaggi, legati ad antiche tradizioni di civiltà selvagge!

Al giorno d'oggi non è contemplabile un accanimento simile nel confronto degli animali!

Spero soltanto che anche nel caso dei delfini intervenga Sea Sheperd con le sue azioni di disturbo.

Con le balene sono riusciti a vincere una battaglia. Spero che riescano a fare qualcosa anche per i delfini.

 

 

Link to comment
Share on other sites

  • 11 months later...

Con grande rabbia e tristezza vi comunico che, da un paio di giorni, è ripresa la caccia ai delfini.....ne hanno parlato anche al tg... odio i giapponesi con tutto il cuore per tutte queste loro tradizioni assurde e distruttive come daltronde i cinesi e tutti gli orientali in genere....se il mio odio potesse uccidere farei uno sterminio 😡

Lo so perfettamente che non sto pensando da Na-vì e nemmeno da buona cristiana e nemmeno da umana e forse non dovrei descrivere tutto questo odio ma scusatemi, vi prego, si ha il bisogno di esternare l'odio, come l'amore daltronde, fuori di sè stessi invece che di covarlo dentro....😡

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Ho grande piacere nel dirvi che quest'anno la caccia ai delfini nella baia di Taiji non darà i frutti che i giapponesi speravano.....😃

 

https://www.facebook...ansOfficialPage

GREAT NEWS!!!

All 12 boats have returned to Taiji harbor without killing dolphins for the 9th consecutive day!!!

 

 

 

Speriamo che continui così.....devono rimanere vuote quelle maledette barche!! Che Eywa ci aiuti in questo e che il popolo del mare sia salvo 😊

Link to comment
Share on other sites

Con una rabbia infinita debbo annunciarci che ieri sono stati uccisi e macellati 7 delfini nella baia di Taiji e 3 sono stati portati via, forse per portarli ad un aquario 😡

 

Oggi tutte le barche sono rientrate vuote....Eywa perchè non aiuta un pò di più il Popolo del mare? 😢

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...