Jump to content

Tatoonie..nuovo pianeta?!?


Alyara Ni awtu Ninat ite
 Share

Recommended Posts

ho spostato la tua discussione in "astronomia".

Sarebbe carino se scrivessi un bell'articoletto a riguardo, invece che mettere solo il link, se hai voglia :)

 

Mi piacerebbe..ma il mio problema è il tempo ne ho veramente poco :) vedrò se riuscirò a farlo ma purtroppo nn posso promettervi niente :)

Link to comment
Share on other sites

Mi piacerebbe..ma il mio problema è il tempo ne ho veramente poco :) vedrò se riuscirò a farlo ma purtroppo nn posso promettervi niente :)

tranquilla, vedi tu se riesci, io te l'ho solo proposto per esporre la notizia in modo più carino :)

Link to comment
Share on other sites

Ecco qui il link di una notizia strabiliante...scoperto un pianeta con due soli!!

 

http://www.nonciposs...uerre-stellari/

Voi che ne pensate??

buona lettura ma smukan sì smuke.. Oel ayngati kameie😊

Wow bell'articolo davvero spettacolare!! A soli 200 anni luce dalla terra!! Chissà forse ci abita qualche forma umanoide aliena!! :)

Grazie mille è una grande notizia!! :)

Link to comment
Share on other sites

Ottima notizia! 😃

Il telescopio Kepler continua a svolgere il suo lavoro e stanno venendo alla luce tantissimi pianeti nuovi di cui neanche sapevamo dell'esistenza.

Prima o poi sono sicuro che troverà il pianeta gemello della Terra! 😊

 

Per maggiori info vi rimando all'articolo sul telescopio Kepler: La scoperta di nuovi pianeti

Link to comment
Share on other sites

A volte mi domando a cosa possa servire.

Va bene che si ricerchi nello spazio e che se ne capisca il funzionamento e la sua nascita.

Magari si scoprurà una "seconda" Terra e magari si potrà dimostrare che ce la vita....e poi...

 

Un eventuale segnale radio in provenienza da sistema planetario di Keplero sarebbe partito 560 anni fa.

La nostra risposta impiegherebbe altri 560 anni.

 

Ritengo del tutto probabile che ci siano altre forme di vita nella nostra galassia ma mai riusciremo a stabilire un contatto,

le distanze sono troppo grandi. Bisogna rassegnarsi.

Link to comment
Share on other sites

A volte mi domando a cosa possa servire.

Va bene che si ricerchi nello spazio e che se ne capisca il funzionamento e la sua nascita.

Magari si scoprurà una "seconda" Terra e magari si potrà dimostrare che ce la vita....e poi...

 

Un eventuale segnale radio in provenienza da sistema planetario di Keplero sarebbe partito 560 anni fa.

La nostra risposta impiegherebbe altri 560 anni.

 

Ritengo del tutto probabile che ci siano altre forme di vita nella nostra galassia ma mai riusciremo a stabilire un contatto,

le distanze sono troppo grandi. Bisogna rassegnarsi.

 

Concordo sul fatto che non riusciremo mai a contattare ne ad incontrare altre forme di vita...

ma non trovo la loro ricerca un'occupazione inutile..tanta gente (tipo me) è ossessionata dal pensiero di essere i soli nell'intero universo..per me è angosciante...

e se mai si scoprisse una terra gemella con forme di vita si avrebbe la prova inconfutabile che non è così..a me non importerebbe di contattarli, ma di sapere che esistono ^^

Link to comment
Share on other sites

L'articolo sottolinea il fatto di quanto siano variabili le dinamiche dell'universo,sinceramente.. io credo che pur non essendo possibile ad oggi stabilire un contatto con un'ipotetica forma di vita "X" per le ovvie distanze e mezzi inadeguati ... il fascino dello scrutare l'universo per chi è in cerca di una qualche risposta o la natura insita nell'uomo di scoprire,di sapere..sono cose legittime,non è forse vero che solo 100 anni fa raggiungere la luna era una vera e propria utopia?

Altresì vero il fatto che un discorso parlare di anni luce,un'altro di 400 mila e rotti Km...pensiamo allora che rimane viva la possibilità che un pianeta roccioso in una zona ottimale dalla propria stella che permetta uno sviluppo pur semplice di una qualche forma di vita,nel vasto cosmo si può esserne quasi certi..che ci sia! ;-)

Link to comment
Share on other sites

È altamente probabile che ci sia vita nell' universo e anche nella nostra galassia.

Se non fosse così sarebbe un enorme spreco di spazio...

Magari in futuro stumenti più evoluti riusciranno anche a stabilire dove saranno e la loro forma.

 

Sarà anche interessante saperlo ma la cosa rimane quasi solo sul piano filosofico.

Non ci si incontrerà e non si comunicherà!

Per quanto possano migliorare le tecnologie non potranno mai surerare i limiti della fisica.

 

Domandare ad abitante del sistema stellare di alpha centauri come sta ed avere una risposta richiede 8,5 anni!

Per stelle più adatte i tempi si allungano per divenire rapidamente secoli.

 

Se poi si considera che la vita sulla Terra c'é la 3 miliardi di anni e che siano in grado di ricevere un segnale radio da solo 100 anni

abbiamo 1 possibiltà su 3000000 per avere 2 civiltà che abbiano un livello tecnologico tale da permettere una comunicazione

al medesimo momento....:(

 

Una buona notizia.

 

Nei prossimi 33000 anni Alpha centauri ( e con esso il pianeta Polifemo e la sua luna Pandora) si avvicinerà al nostro sistema solare

fino a soli 3 e rotti anni luce rendendo meno ostico andare su Pandora :D

 

Distanza Sole - Alpha centauri

Link to comment
Share on other sites

A volte mi domando a cosa possa servire.

Va bene che si ricerchi nello spazio e che se ne capisca il funzionamento e la sua nascita.

Magari si scoprurà una "seconda" Terra e magari si potrà dimostrare che ce la vita....e poi...

 

Un eventuale segnale radio in provenienza da sistema planetario di Keplero sarebbe partito 560 anni fa.

La nostra risposta impiegherebbe altri 560 anni.

 

Ritengo del tutto probabile che ci siano altre forme di vita nella nostra galassia ma mai riusciremo a stabilire un contatto,

le distanze sono troppo grandi. Bisogna rassegnarsi.

A cosa può servire..........

Allo stato attuale delle cose potrebbe sembrare una cosa inutile, ma non è così.

E' vero che ci vogliono tanti anni per mandare un segnale radio, ed altrettanti per riceverne uno.

Prima di tutto bisogna essere pronti a ricevere e sapere da dove arriva il segnale. Anche se dista 560 anni luce, il segnale da uno di quei pianeti potrebbe essere partito molti secoli prima del nostro, perchè noi non potremmo mai essere sicuri di essere la civiltà più evoluta nell'universo, e quindi potrebbe esserci qualcuno che ha raggiunto tale tecnologia molto prima di noi..........

 

In secondo luogo, sapere se ci sono pianeti abitabili può servire come obiettivo per l'invio delle future spedizioni di esplorazione interstellare.

Non è mica detto che se noi troviamo qualcosa che è troppo distante non serve a niente......

Bisogna pensare alle nostre generazioni future. Generazioni che avranno a disposizione una tecnologia superiore dove sarà magari possibile compiere viaggi interstellari verso l'ignoto.

Quindi, se mai nessuno si mette alla ricerca di questi pianeti, mai nessuno nel futuro potrà organizzarsi per agire in questa direzione.

 

Dobbiamo metterci in testa che queste ricerche non serviranno a noi, ma serviranno alle nostre future generazioni!

 

Per concludere vorrei aggiungere anche una riflessione: noi stiamo compiendo delle ricerche su possibili pianeti che possono ospitare la vita. Se è vero che esistono altre forme di vita più evolute della nostra, chi può dirci che non siano già in rotta di esplorazione verso il nostro pianeta con il nostro stesso scopo? 😳

Link to comment
Share on other sites

A cosa può servire..........

Allo stato attuale delle cose potrebbe sembrare una cosa inutile, ma non è così.

E' vero che ci vogliono tanti anni per mandare un segnale radio, ed altrettanti per riceverne uno.

Prima di tutto bisogna essere pronti a ricevere e sapere da dove arriva il segnale. Anche se dista 560 anni luce, il segnale da uno di quei pianeti potrebbe essere partito molti secoli prima del nostro, perchè noi non potremmo mai essere sicuri di essere la civiltà più evoluta nell'universo, e quindi potrebbe esserci qualcuno che ha raggiunto tale tecnologia molto prima di noi..........

 

In secondo luogo, sapere se ci sono pianeti abitabili può servire come obiettivo per l'invio delle future spedizioni di esplorazione interstellare.

Non è mica detto che se noi troviamo qualcosa che è troppo distante non serve a niente......

Bisogna pensare alle nostre generazioni future. Generazioni che avranno a disposizione una tecnologia superiore dove sarà magari possibile compiere viaggi interstellari verso l'ignoto.

Quindi, se mai nessuno si mette alla ricerca di questi pianeti, mai nessuno nel futuro potrà organizzarsi per agire in questa direzione.

 

Dobbiamo metterci in testa che queste ricerche non serviranno a noi, ma serviranno alle nostre future generazioni!

 

Per concludere vorrei aggiungere anche una riflessione: noi stiamo compiendo delle ricerche su possibili pianeti che possono ospitare la vita. Se è vero che esistono altre forme di vita più evolute della nostra, chi può dirci che non siano già in rotta di esplorazione verso il nostro pianeta con il nostro stesso scopo? 😳

 

Il limite é la fisica. Non é possibile andare più veloce della luce.

Ammettiamo di trovare una forma di vita evoluta a 500 anni luce di distanza che ci invia un segnale. Questo segnale é partito 500 anni (Colombo aveva appena attraversato l' atlantico) e la nostra risposta gli giungerà tra 500 anni. La loro conferma di aver ricevuto il messaggio (sempre che da parte loro ci fosse ancora uno in ascolto 1000 anni dopo aver inviato il primo messaggio) giungerà a noi altri 500 anni dopo.

 

Pensare di andare da loroancora peggio. A Tecnologia attuale un annoluce può venire coperto in 3000 anni.(a 100km/s).

Oggi si ipotizzano motori a ioni che permetterebbero di raggiungere il 30% della velocità della luce.

Ci vorrebbero 1500 anni!

Sperando di non avere incidenti, che tutta la gente in viaggio(circa 50 generazioni) non abbia complicazioni per l' assenza di gravità e che non ci siano rivolte ne epidemie ed altro....

 

Gli umani non vivono abbastanza a lungo per fare viaggi interstellari o per comunicare con civiltà extrasolari.

Link to comment
Share on other sites

Il limite é la fisica. Non é possibile andare più veloce della luce.

Ammettiamo di trovare una forma di vita evoluta a 500 anni luce di distanza che ci invia un segnale. Questo segnale é partito 500 anni (Colombo aveva appena attraversato l' atlantico) e la nostra risposta gli giungerà tra 500 anni. La loro conferma di aver ricevuto il messaggio (sempre che da parte loro ci fosse ancora uno in ascolto 1000 anni dopo aver inviato il primo messaggio) giungerà a noi altri 500 anni dopo.

 

Pensare di andare da loroancora peggio. A Tecnologia attuale un annoluce può venire coperto in 3000 anni.(a 100km/s).

Oggi si ipotizzano motori a ioni che permetterebbero di raggiungere il 30% della velocità della luce.

Ci vorrebbero 1500 anni!

Sperando di non avere incidenti, che tutta la gente in viaggio(circa 50 generazioni) non abbia complicazioni per l' assenza di gravità e che non ci siano rivolte ne epidemie ed altro....

 

Gli umani non vivono abbastanza a lungo per fare viaggi interstellari o per comunicare con civiltà extrasolari.

Purtroppo è così...cercare soluzioni equivale a sfiorare i film di fantascienza!

Per sopperire agli anni da coprire nel viaggio bisognerebbe disporre di un'equipaggio in criosonno (come su Avatar XD) composto da centinaia di team di tecnici, scienziati, medici ecc..che a rotazione vengono svegliati per un certo periodo per poi essere "reibernati"..

e disporre di una nave dalle dimensioni incredibili, provviste a tonnellate di tonnellate, motori che vanno ad energia inesauribile..e altre meraviglie che vediamo nei film insomma..

Oppure creare degli "avamposti scientifici" che ci consentano di avvicinarci sempre di più..insomma sto volando con la fantasia XD non prendetemi seriamente!!!

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo è così...cercare soluzioni equivale a sfiorare i film di fantascienza!

Per sopperire agli anni da coprire nel viaggio bisognerebbe disporre di un'equipaggio in criosonno (come su Avatar XD) composto da centinaia di team di tecnici, scienziati, medici ecc..che a rotazione vengono svegliati per un certo periodo per poi essere "reibernati"..

e disporre di una nave dalle dimensioni incredibili, provviste a tonnellate di tonnellate, motori che vanno ad energia inesauribile..e altre meraviglie che vediamo nei film insomma..

Oppure creare degli "avamposti scientifici" che ci consentano di avvicinarci sempre di più..insomma sto volando con la fantasia XD non prendetemi seriamente!!!

 

Però niente è impossibile [trad=Sorella]ma Tsmuke[/trad]! Chissà un giorno forse sarà possibile! :) O forse resterà solo un sogno! chissà!

Link to comment
Share on other sites

Il limite é la fisica. Non é possibile andare più veloce della luce.

Ammettiamo di trovare una forma di vita evoluta a 500 anni luce di distanza che ci invia un segnale. Questo segnale é partito 500 anni (Colombo aveva appena attraversato l' atlantico) e la nostra risposta gli giungerà tra 500 anni. La loro conferma di aver ricevuto il messaggio (sempre che da parte loro ci fosse ancora uno in ascolto 1000 anni dopo aver inviato il primo messaggio) giungerà a noi altri 500 anni dopo.

Pensare di andare da loro ancora peggio.

LA Tecnologia attuale un annoluce può venire coperto in 3000 anni.(a 100km/s).

Oggi si ipotizzano motori a ioni che permetterebbero di raggiungere il 30% della velocità della luce.

Ci vorrebbero 1500 anni!

Sperando di non avere incidenti, che tutta la gente in viaggio(circa 50 generazioni) non abbia complicazioni per l' assenza di gravità e che non ci siano rivolte ne epidemie ed altro....

 

 

Gli umani non vivono abbastanza a lungo per fare viaggi interstellari o per comunicare con civiltà extrasolari.

 

Buon giorno,

in merito alla citazione posso osservare che si considera il problema in maniera "statica" e non "dinamica" per il fatto che il genere umano, oltre ad essere "recente" è comunque in evoluzione: pensare ad un viaggio interstellare con il criosonno per centinaia di anni non ha senso ... pensare ad un viaggio interstellare in cui la 50a generazione (che nel frattempo di è evoluta ed adattata al viaggio spaziale) arriva a destinazione e le ci vorranno altre 20 generazioni per adattarsi al luogo .. ecco questo per me ha senso.

Inoltre per viaggi molto lunghi (extra sistema solare e per diversi anni luce) non ha senso (per me) fare un viaggio "pensando" a rimanere in contatto con la Terra ... sarebbe uno spreco di energie. Un viaggio lungo presuppone un tentativo di colonizzazione extrasolare quindi con generazioni umane in evoluzione.. e chissà che non ne salti fuori una più "bilanciata" di oggi.

Rimango comunque convinto che in futuro, se non ci estinguiamo o regrediamo, potremmo anche trovare un sistema per muoverci nello spazio come avviene ora con la nostra Terra (ricordiamoci che siamo ospiti del pianeta Terra (ed in un sistema "chiuso") che assieme al sistema solare e la galassia, ecc. viaggiano nello spazio..).

 

 

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo è così...cercare soluzioni equivale a sfiorare i film di fantascienza!

Per sopperire agli anni da coprire nel viaggio bisognerebbe disporre di un'equipaggio in criosonno (come su Avatar XD) composto da centinaia di team di tecnici, scienziati, medici ecc..che a rotazione vengono svegliati per un certo periodo per poi essere "reibernati"..

e disporre di una nave dalle dimensioni incredibili, provviste a tonnellate di tonnellate, motori che vanno ad energia inesauribile..e altre meraviglie che vediamo nei film insomma..

Oppure creare degli "avamposti scientifici" che ci consentano di avvicinarci sempre di più..insomma sto volando con la fantasia XD non prendetemi seriamente!!!

 

..oppure sempre in tema di probabile fantascienza perche' non immaginare che esistano davvero le "stars gates" (per ora solo serie telesiva.).

Quest'estate ho letto su "Repubblica" un articolo sul "WORM HOLE" noto anche come ponte di Einstein-Rosen. Si tratterebbe di un fenomeno - assolutamente non analizzabile su basi scientifiche - per unire due parti dell'universo nello spazio-tempo ossia di un tunnel gravitazionale attraverso il quale possono passare massa e energia assorbite da un buco nero (mi sembra di ricordare una cosa analoga nel film "STAR TREK L'INIZIO" ) . Sarebbe la soluzione ideale ai problemi relativi alla durata dei viaggi spaziali....da non prendere seriamente: pero' che bello pensare che potrebbe esistere in futuro qualcosa di simile!!

Link to comment
Share on other sites

..oppure sempre in tema di probabile fantascienza perche' non immaginare che esistano davvero le "stars gates" (per ora solo serie telesiva.).

Quest'estate ho letto su "Repubblica" un articolo sul "WORM HOLE" noto anche come ponte di Einstein-Rosen. Si tratterebbe di un fenomeno - assolutamente non analizzabile su basi scientifiche - per unire due parti dell'universo nello spazio-tempo ossia di un tunnel gravitazionale attraverso il quale possono passare massa e energia assorbite da un buco nero (mi sembra di ricordare una cosa analoga nel film "STAR TREK L'INIZIO" ) . Sarebbe la soluzione ideale ai problemi relativi alla durata dei viaggi spaziali....da non prendere seriamente: pero' che bello pensare che potrebbe esistere in futuro qualcosa di simile!!

Molti film si basano su teorie studiate seriamente, ma non dimostrabili..opportunamente romanzate in seguito XD ritengo, per esempio, un film di fantascienza interessante "Contact" ve lo consiglio

..in ogni caso penso che non vivrò abbastanza da poter vedere cose anche lontanamente simili...

Link to comment
Share on other sites

..oppure sempre in tema di probabile fantascienza perche' non immaginare che esistano davvero le "stars gates" (per ora solo serie telesiva.).

Quest'estate ho letto su "Repubblica" un articolo sul "WORM HOLE" noto anche come ponte di Einstein-Rosen. Si tratterebbe di un fenomeno - assolutamente non analizzabile su basi scientifiche - per unire due parti dell'universo nello spazio-tempo ossia di un tunnel gravitazionale attraverso il quale possono passare massa e energia assorbite da un buco nero (mi sembra di ricordare una cosa analoga nel film "STAR TREK L'INIZIO" ) . Sarebbe la soluzione ideale ai problemi relativi alla durata dei viaggi spaziali....da non prendere seriamente: pero' che bello pensare che potrebbe esistere in futuro qualcosa di simile!!

Esatto! 😊

Una soluzione plausibile al tempo che ci vorrebbe per un viaggio interstellare sarebbe proprio la curvatura dello spazio temporale (la quarta dimensione).

Si tratta della creazione di una specie di buco nero che permette di "viaggiare nel tempo".

Secondo alcuni studi, per permettere di avere un tunnel gravitazionale stabile e che non collassi su se stesso, bisogna avere a disposizione della materia con gravità repulsiva; cosa che in natura al momento non esiste.

Non so bene se questa materia possa essere la famosa antimateria che è in corso di studio nell'acceleratore di particelle del CERN di Ginevra.

Molto probabilmente, se riusciranno a scoprire qualcosa di interessante, potrebbe essere un punto di svolta per la ricerca scientifica, e potremo sperare di avere in un futuro molto lontano qualcosa in grado di curvare lo spazio tempo. Sempre che non ci siano altre contro indicazioni...... 🫤

 

Link ad un articolo sullo spazio - tempo, e le macchine del tempo.

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Esatto! 😊

Una soluzione plausibile al tempo che ci vorrebbe per un viaggio interstellare sarebbe proprio la curvatura dello spazio temporale (la quarta dimensione).

Si tratta della creazione di una specie di buco nero che permette di "viaggiare nel tempo".

Secondo alcuni studi, per permettere di avere un tunnel gravitazionale stabile e che non collassi su se stesso, bisogna avere a disposizione della materia con gravità repulsiva; cosa che in natura al momento non esiste.

Non so bene se questa materia possa essere la famosa antimateria che è in corso di studio nell'acceleratore di particelle del CERN di Ginevra.

Molto probabilmente, se riusciranno a scoprire qualcosa di interessante, potrebbe essere un punto di svolta per la ricerca scientifica, e potremo sperare di avere in un futuro molto lontano qualcosa in grado di curvare lo spazio tempo. Sempre che non ci siano altre contro indicazioni...... 🫤

Link ad un articolo sullo spazio - tempo, e le macchine del tempo.

 

Buon giorno,

 

comunque questo argomento mi fa pensare a star trek e dune ... nel primo utilizzano un motore che curva lo spazio e nel secondo annullavano il tempo per annullare lo spazio (le gilde...) ..

Ammesso che si possa viaggiare nello spazio curvandolo oppure annullandone il tempo per percorrerlo, saremo mai pronti noi umani a questa esperienza?

Link to comment
Share on other sites

Ammesso che si possa viaggiare nello spazio curvandolo oppure annullandone il tempo per percorrerlo, saremo mai pronti noi umani a questa esperienza?

 

tutti forse no, ma non chiedermelo due volte... io ho lo zaino pronto a casa da sempre...

 

@ Goxer: non voglio entrare nel merito di ciò che oggi è possibile fare o meno... e nemmeno sindacare se sia utile o meno "perdere" tempo con questi progetti... ma mi pare eccessivo dire che mai incontreremo un'altra forma di vita...

Sicuramente non sarò più in vita da qualche secolo quando questo accadrà, ma sono certo che prima o poi la nostra razza ( per disgrazia del cosmo ) prenderà la via delle stelle, e incontrerà altre civiltà.

 

Ti faccio un paragone: quando Colombo o Vespucci decisero di partire per le americhe ( la nuova frontiera ), ebbero difficoltà a trovare finanziamenti, perchè tutti pensavano... a che serve? immaginati se avessero desistito...

 

Inoltre, se anche solo scoprissimo che esiste un'altra civiltà, hai idea della spinta che potrebbe avere per la ricerca spaziale? sarebbero molti di più quelli che si cimenterebbero nella ricerca... e di conseguenza è probabile che la scoperta di un sistema per "aggirare" i limiti della fisica ( quella che noi conosciamo ) si farebbe molto più probabile.

 

In fondo, la ricerca scientifica, è come un labirinto pieno di bivi... non sai mai cosa ti si rivelerà dietro il prossimo angolo... magari un omino blu che ti farà... BUH!

 

non smettete mai di sognare... i sogni sono l'alimento della curiosità, e la curiosità è la madre della scienza.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...