Jump to content

Avatar, fantascienza e religioni


Wildlife
 Share

Recommended Posts

Non siamo robotizzati ed è giusto così, finchè ci si confronta in modo civile :)

 

Non è nemmeno giusto astenersi dalla discussione se si sente un buon motivo per farlo. Lui ci crede e molto... io molto meno. Io vorrei sentire anche la tue versione invece <jake <toruk, qualora tu lo voglia ovviamente :lol:

Link to comment
Share on other sites

Ragazzi mi spiace vedere i toni che si alzano, soprattutto perché il tema é molto delicato e personale.

Non mi reputo istruito in materia, sono nutrito come la maggiorparte dai luoghi comuni che la vita ci mette davanti agli occhi, e non mi vergogno ad ammetterlo anche perché e un arogmento che non mi ha mai attirato tantissimo.

 

Che dire, Revenant dal canto suo difende una fede in cui crede fortemente, .:Neytiri:. ha forse detto le cose in maniera un po "offensiva" per Revenant. La fede é un qualcosa di molto molto personale, credo che non si troverà mai una soluzione comune perche siamo tutti diversi l'uno dall'altro e la nostra immedesimazione religiosa cambia.

 

Quindi non penso sia tanto utile andare avanti con il confronto perché su due piani troppo diversi.

Condivido alcune cose con Revenant e altre con .:Neytiri:., dire quali alimenterebbe solo altre reazioni.

Abbiamo già provato ha trattare questi argomenti in altri topic ed é finita sistematicamente sempre così, cosa vuol dire ? :)

 

Ah un'altra cosa per Revenant : non verrai mai bannato dal forum perché "litighi" con un mod, non rientra nei nostri canoni, dovete sentirvi liberi di dire ciò che pensate SEMPRE, l'importante é la forma.

 

Kíyevame.

Link to comment
Share on other sites

@ Revenant

Ciao volevo scusarmi innazitutto se qualche punto di ciò che ho scritto è risultato poco comprensibile. Comunque avrei anch'io qualche chiarimento da chiederti riguardo a ciò che hai scritto (che riporto tra virgolette).

 

"Allora, anzitutto bisognerebbe capire cosa intendi per "religioni etniche" (o cosa intende l'autore dell'articolo"

 

Hai ragione il termine che ho utilizzato è troppo ambiguo... quello che volevo dire era piuttosto religioni neopagane.

 

"Dopodiché, spero tu sappia che san Bonaventura non adoperò mai la forza per cristianizzare i popoli germanici, l'atto di abbatere l'albero sacro venne usato per dimostrare ai pagani quanto fosse infondata la loro fede, dato che si riteneva sede di un dio che avrebbe punito chi avesse cercato di abbatterlo. Ovviamente, non accadde nulla a san Bonaventura il quale, dato he i germanci si affollavano attorno all'albero caduto per vedere se la divinità lo avrebbe folgorato vivo, cominciò a predicare il Vangelo e fondò sul posto una chiesa (la chiesa di san Pietro) per commemorare l'evento."

 

Ciò che hai detto mi pare un pò un paradosso... correggimi se sbaglio, ma questo metodo usato da San Bonaventura non mi sembra il massimo della diplomaticità.

Se per "adoperare la forza" intendi la violenza fisica, ti do ragione. Ho fatto qualche ricerca ed effettivamente non ci sono testimonianze che provino ciò. Ma se con questa espressione intendi "costrizione" allora non posso che darti torto. San Bonaventura è partito dal presupposto che la religione di quei popoli fosse infondata e sicuro che non gli sarebbe capitato nulla, ha fatto l'unica cosa che gli avrebbe assicurato la conversione di quelle persone. Nulla di male in ciò, aveva ottenuto ciò per cui era partito... però concordi con me che se non avesse voluto costringerli magari avrebbe predicato la propria religione semplicemente leggendo passi della Bibbia invece di toccare il loro albero sacro? Il santo non ha fatto altro che scegliere il metodo più veloce,più semplice e più efficace per convertirli.

 

"Peraltro, i sassoni non furono massacrati in quell'occasione ma in seguito da Carlo Magno, non per il discorso della fede ma per ottica imperialista e di conquista ."

 

Probabilmente non sono stata chiara ma sono consapevole che lo sterminio dei Sassoni avvenne per mano di Carlo Magno e se non era chiaro lo ribadisco adesso.

 

"Poi,trovo assurda persino la definizione di "neo paganesimo" per Wicca & Co., dato che per esempio i celti è certo facessero sacrifici umani e non mi risulta ciò"

 

Potresti riformulare la frase? Non mi è molto chiara.

Link to comment
Share on other sites

Revenant...

 

Mio malgrado, devo rispondere al tuo primo intervento in due vesti:

 

in primo luogo come partecipante la discussione:

 

 

False entrambe le cose.

Per prima cosa, non confondere fenomeni legati a politiche imperialiste (come le conquiste degli spagnoli) con la religione, inoltre praticamente tutte le guerre di religione in realtà furono guerre di espansione (vedi la dominazione araba del X secolo, vedi per l'appunto l'espansione del Santo Romano Impero di Carlo Magno, che poco c'entrava con la Chiesa...).

Vedi, non è possibile separare l'azione dal mezzo con cui viene compiuta... le guerre di religione furono SOLO di natura espansionistica sia offensiva che difensiva, e se veramente la chiesa ( intesa come ministero della fede cristiana ) fosse stata contraria o non coinvolta, avrebbe rinnegato e ( visto che al tempo contava qualcosa ) scomunicato i perpetratori di tale abuso, ma così non fu... come per esempio nelle crociate di cui si parlava ( almeno la prima ), in quanto il mandante di tali azioni era proprio tale istituzione, terrorizzata dalla molto concreta possibilità di essere annientata "dall'esercito dell'islam".

 

 

Le crociate, ad esempio, furono la risposta di una cristianità minacciata nei confronti delle invasioni musulmane, i quali convertivano a forza e sconsacravano le chiese, era ovvio che fosse necessario difendere l'Europa cristiana!

Questo è vero... le crociate, o almeno la prima che fu l'unica ad avere in parte successo nell'opera di contenimento dell'espansione mussulmana, furono di natura "difensiva"... ma bisogna anche vedere da dove partiva questo assalto alla cristianità... o ci vogliamo dimenticare che il sacro romano impero ( o bizantino ) si era espanso a suon di fil di spada e violenze fino a poco prima?

E' troppo comodo additare la reazione musulmana ( pur pienamente d'accordo che è notevolmente portata alla soluzione "di forza" ) come una mera mira espansionistica... dopo secoli di dominazione romana... prima o poi la cosa doveva scoppiare.

 

 

Inoltre, ti faccio notare che se il battesimo è una imposizione, allora è una imposizione anche scegliere a quale scuola mandare il bambino, quale materie farli frequentare (perché la matematica e non la filosofia, per esempio? O perché dovrebbe sorbirsi l'educazione fisica?), prima ancora con quali omogeneizzati nutrirlo ecc...

C'è una notevole differenza tra l'istruzione scolastica e l'istruzione religiosa.

La prima è - se ben fatta, ma questo vale anche per la religione - imparziale... imparare a leggere e far di conto, non "condiziona" la mente, non ti crea delle convinzioni che sono la base dei pregiudizi... l'italiano, la matematica, l'inglese, la ginnastica... non hanne nè religione nè politica.

La seconda, invece, è esclusivamente una materia che parla di sè, delle proprie regole, delle idee e del proprio rapporto con le altre religioni ( quasi mai in modo aperto ).

pertanto, decidere di mandare un bambino all'asilo o a scuola, non è affatto un'imposizione, è una necessità... credere in un dio, non è una necessità... è una scelta, o un bisogno dettato dalla maturità mentale.

 

 

Errore, dal momento che parlare così vuol dire violentare la conoscienza storica. Nessuno nega (come detto sopra) che siano state fatte delle "guerre sante" (anche fra i popoli pagani che venerate...), am addurre ciò alla religione è insensato, dal momento che la religione è un pretesto ma alla fin fine è tutt'altro.

Non so in che punto tu abbia notato una "nostra" venerazione di qualche popolo pagano ( semmai una "simpatia" per un'idea "pagana" ), ma - come detto prima - non puoi separare l'azione dall'ideologia che la promuove o in nome della quale viene compiuta, soprattutto se chi quell'ideologia la deve difendere, per primo non si oppone o rinnega tale azione.

 

 

Inoltre, vorrie farti notare che i regimi totalitari del XX secolo non erano religiosi, ma atei, quindi fare l'equivalena "religione=guerre=male" è ugualmente insensata al pari di "ateismo=totalitarismo=male".

non facciamo confusione, qui non si stà parlando dei motivi delle guerre nel mondo cercando di imputarli o meno alle religioni, ma ciascuno esprime liberamente le proprie idee e motivazioni per le quali accetta, rispetta o meno una corrente religiosa piuttosto di un'altra.

la questione invece che "alcune religioni=alcune guerre=male" è ineluttabile... oppure - riferendomi ai regimi totalitaristi di cui parli - vuoi forse dimenticare la diatriba che da anni mette in difficoltà la chiesa cristiana – che ancora si ostina a negare l’accesso ai prorpi archivi – circa la collusione o meno tra Pio XII e i silenzi ai tempi dei crimini di Hitler?

 

 

Semmai è impossibile lasciare il proprio figlio in una posizione neutrale, dato che per forza di cose viene obbligato in determinate direzioni e che è filosoficamente dimostrato che non si può concepire un pensiero in maniera totalmente assoluta.

In effetti i filosofi hanno teorizzato ( non dimostrato ) che il pensiero assoluto sia inconcepibile per l’uomo, e forse è pure vero… resta il fatto che un pensiero, per essere quanto meno imparziale o “parziale” in base alle idee della persona che lo formula, non deve essere soggetto a condizionamenti esterni, ma solo a informazioni esaustive e imparziali… e questo nessuna religione lo fa.

 

 

Non voglio far polemica, ma non voglio più vedere attacchi al mio credo basati sui luoghi comuni;

In questo forum, chiunque è libero di esprimersi e fornire il proprio punto di vista, senza attaccare nessuno e senza offendere nessuno.

In questa discussione, nessuno ha offeso la fede cristiana, semmai, sono state esposte delle sensazioni o dei pensieri che ciascuno ha.

Se ti senti “attaccato” è solo per una tua sensazione, ma la tua razionalità deve avere il sopravvento, e farti considerare i pensieri esposti come mere trascrizioni delle convinzioni di ciascuno ha in merito a questo argomento.

Devi sempre tenere presente che NESSUNA religione può dirsi "certamente" reale… dato che NESSUNO ha prove storiche dell’esistenza degli dei di cui parla… prove storiche delle persone citate a volte si… ma delle loro gesta, solo racconti riportati da fonti perdute.

Quindi tutte le correnti religiose sono prese per fede, e come tali sono discutibili in base alle opinioni di ciascuno.

Inoltre, definire “luoghi comuni” le idee degli altri partecipanti, è a dir poco offensivo, perché si va ad attaccare le loro convinzioni, e visto che a te non piace che si attacchino le tue, non vedo con che diritto tu possa fare ciò che non va a te. E poi, tanto per citare un passo della tua tanto amata fede “non fare agli altri quello che non vuoi sia fatto a te”, giusto?

Se poi non accetti con maturità questo confronto, è meglio che in futuro ti astieni da esporre in modo così aggressivo le tue idee.

 

 

se qualcuno vuol protestare contro il CC, mi manda un mp. e ne parliamo, ok?

Discutere in privato, non ha senso… non c’è nulla da nascondere, anzi, parlarne in pubblico, potrebbe far capire a qualcuno quale sia la sua “via”, non ti pare?

Ovviamente, a chi non condivide la tua idea, non è ne corretto ne saggio rispondere con “Sì, vabbè, hai ragione te...”, e chiudere il discorso... ne convieni?

 

 

Ora invece ti rispondo come staffer:

 

In questo forum, non è dato a NESSUNO attaccare le idee, gli usi e i costumi di nessuno, sia che esso sia partecipante o meno alla vita di questa community.

 

Non ho assolutamente gradito la tua totale inosservanza della benchè minima netiquette nel redigere questo tuo post, dove peraltro si stava parlando in toni rilassati e di confronto senza alcuna aggressività.

In futuro, se ti dovessi sentire tirato in discussione da qualunque cosa sia scritta in un post, sei pregato di scrivere la tua risposta su un notepad, e rileggerla almeno due volte a distanza di qualche giorno, in modo da renderla “comunitariamente” accettabile.

 

Qui ci si confronta, si espongono i propri pensieri, senza per questo pretendere di veder accettate o imporre le proprie idee.

 

E, ovviamente, io non so che forum hai frequentato in passato, ma qui se esponi le tue idee in modo civile e pacifico, non c’è alcun rischio di essere bannati.

Noi qui non imponiamo idee, e non zittiamo nessuno. Sia chiaro per sempre.

 

Sapienza, caro mio, non vuol dire saggezza, né tanto meno ragione a prescindere.

Link to comment
Share on other sites

ho letto ora, prima non ho avuto modo di leggere tutto...

 

 

Prima cosa...

 

 

intanto mi congratulo con Wildlife. Hai esposto un argomento davvero interessante e mi hai fatto notare alcune cose a cui non avevo mai pensato. Soprattutto il paragone che hai fatto tra i due Dei e i protagonisti del film, e la distruzione dell'albero sacro... molto azzeccato!

A mio parere, non è escluso che Cameron volesse alludere alla religione nel suo film, in effetti alcuni punti che hai esposto combaciano...

tuttavia, gli umani non cercano di convertire i na'vi alla loro credenza, bensì hanno solamente mire espansionistiche.

E' anche vero però che si potrebbe dare anche una seconda interpretazione: se non erro prima di scacciarli dal loro territorio gli umani cercano di convincere i na'vi ad adottare loro usi e costumi (vedi insegnamento della lingua, tentativo di inserire strade, vestiti, "birra light", ...)

Poi quando i nativi si rifiutano, scatta l'offensiva.

Resto comunque convinta che il messaggio del film alluda al fatto che l'uomo è pronto a fare qualsiasi cosa per trarne profitto, anche atrocità... così come è successo su Pandora, altrettanto è sempre successo sulla Terra (che siano crociate, guerre sante, ecc). E Cameron ha provato a farcelo notare (non che prima non ne fossimo consapevoli).

 

...penso che dovremmo chiederlo direttamente a lui per esserne certi.

 

 

Seconda cosa...

 

 

Non è mai bello quando i temi trattati sfociano in discussioni poco costruttive.

Questo è un argomento delicatissimo da prendere con le pinze, quindi a maggior ragione prima di postare leggetevi due tre volte quello che avete scritto per essere sicuri di non aver mal giudicato o offeso niente e nessuno.

 

Revenant, non sentirti attaccato, qui ognuno è libero di esprimere le proprie idee... siamo tutti liberi, solo fin che la nostra libertà non ostacola quella degli altri.

I mod non ti banneranno perchè hai espresso ciò in cui credi, ne mai banneranno nessuno che voglia esprimere il proprio parere in modo costruttivo su qualunque cosa.

Ovviamente alcune discussioni non sono belle da vedere, ma servono sicuramente per crescere, per confrontarsi e per imparare dai propri errori. E alcune volte, discutere ci aiuta a conoscerci meglio e a stabilire buoni rapporti di fratellanza, non serve alcun pm.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...